Mio figlio è stato rapito da Internet

…è la frase che disse una madre irritata e preoccupata nel vedere il proprio figlio tredicenne assorto davanti al tablet, con una dedizione tale da sembrarne rapito. La sua vita sembrava essere organizzata dal tablet e dallo smartphone, entrambi apparivano come protesi del sé dalle quali era impossibile separarsi.

Prima dell’avvento delle tecnologie digitali, agli occhi di questa mamma la famiglia viveva serenamente: il figlio studiava e parlava con i genitori. Poi, l’attenzione si era spostata tutta su quel dispositivo elettronico. La madre si era sentita tagliata fuori, sentiva che suo figlio si era allontanato, che era stato “portato via”. Inutili le iniziali lamentele riguardo al troppo tempo speso davanti a quello schermo, la risposta laconica del figlio era: sto studiando!

In questo libro troverete sia una parte teorica che offre una serie di chiavi di lettura del mondo delle tecnologie digitali, sia le Linee Guida APP (Accompagnare, Proteggere, Proporre) che l’Associazione Psichedigitale propone come strumento utile per aiutare l’adulto (nel ruolo di genitore, insegnante, educatore) a essere protagonista nell’educazione alla vita davanti allo schermo del bambino/ragazzo, dalla nascita alla maggiore età (0-18 anni).

Il modello educativo proposto dalle Linee Guida APP pone enfasi sul ruolo attivo dell’adulto, nel far usare il dispositivo giusto all’età giusta con tempi e modi adeguati, nel proporre il meglio della vita davanti allo schermo, nel proteggere l’internauta dai pericoli, nel favorire la creatività e la capacità di autoregolazione.

Trovate il libro in vendita online presso:

I tre autori (da sinistra: Elvis Mazzoni, Francesco Rasponi, Michele Piga) con l’editore del libro (Claudio Franzoni)

Il libro Mio figlio è stato rapito da Internet è stato presentato Lunedì 5 Febbraio, durante il Festival della Salute Digitale 2018.